RISULTATI DELLA RICERCA

La ricerca per la parola cabala ha restituito i seguenti risultati:

ORIGINI DELLA SMORFIA

Il sogno come rivelazione Secondo alcune teorie, per ritrovare il contesto primordiale che ha dato origine alla Smorfia basta chiudere gli occhi, concedersi alla seduzione del sonno e iniziare a sognare. Perché proprio nel mondo delle visioni notturne si trovano le radici lontane della Smorfia, che sembrano derivare dalle versioni volgarizzate e ridotte degli antichi libri dei sogni. Le opere di personaggi come Artemidoro di Daldi (II sec. d.C.), in età bizantina diventano veri e propri manuali per svelare il mistero dei messaggi notturni. Significati nascosti Altre teorie sono propense a credere che l'origine della Smorfia risieda all'interno della tradizione cabalistica ebraica. Secondo la Cabala (Qabbalah), nella Bibbia non vi è parola, lettera o segno che non abbia qualche significato misterioso correlato. Il mondo stesso non sarebbe altro che un insieme di simboli da decodificare. Per questo i cabalisti crearono una sorta di dottrina interpretativa per svelare i significati nascosti dietro alla realtà apparente. Abraham Abulafia, mistico cabalista ebreo-spagnolo del XIII secolo, basandosi sul fatto che nell'ebraico ogni lettera corrisponde a un valore numerico, affidò proprio ai numeri la trascrizione delle sue meditazioni realizzando un'opera letteraria composta di sole cifre. A lui seguirono molti altri pensatori e mistici che contribuirono a formare la teoria secondo la quale è possibile desumere da ogni parola il valore numerico corrispondente. Questa teoria venne applicata anche per interpretare i sogni, ritenuti il luogo di contatto tra l'umano e il sovraumano. Segni del destino Successivamente, visto che si pensava che le forze “super umane” comunicassero anche mediante accadimenti straordinari, qualsiasi avvenimento insolito (una caduta, un temporale estivo, ecc.) veniva considerato un segno del destino e subito tradotto in numeri. Nel Rinascimento pensatori e filosofi come Cardano, Della Porta, Pico della Mirandola o Paracelso riscoprirono e riportarono in auge i testi di quei maghi- scienziati che studiarono e praticarono l'oniromanzia greca e la Cabala ebraica. E proprio a questi scritti si ispirarono gli autori, per lo più anonimi, dei manuali ottocenteschi da allora presenti in ogni ricevitoria del Lotto. Il primo esempio di Smorfia (da Morfeo, dio dei sogni) si ha con il "Divinatore Universale del Lotto", libro che i ricevitori dei Regi Lotti napoletani avevano sempre a portata di mano e dove sono indicati tutti i numeri corrispondenti a personaggi e avvenimenti. [...]

LA CABALA

Cabala, o più esattamente Kabala è una parola ebraica e significa "tradizione" o anche "interpretazione delle cose divine. Questa spiegazione, tramandata oralmente nei secoli, diede luogo ad una particolare forma di meditazione, ovvero di interpretazione delle Sacre Scritture nel loro significato più occulto, da parte dei mistici ebrei, la Kabala appunto. La lingua ebraica, per costoro, era la lingua con la quale Dio stesso aveva parlato a Mosè ed al suo popolo; pertanto, l'alfabeto ebraico, con le sue ventidue lettere, conteneva le parole di Dio. , Ma mentre per i greci e Artemidoro queste trasposizioni di lettere e numeri avevano uno scopo puramente interpretativo, per i cabalisti ebrei lo studio delle lettere e dei numeri ebbe un fondo profondamente mistico e religioso. Ed a questo significato delle lettere e del loro valore numerologico si dedicarono gli studi e le meditazioni, nei secoli successivi, di grandi pensatori cristiani, di cui uno dei più celebri, Poco della Mirandola, affermava che tutta la realtà conoscibile poteva essere raggiunta attraverso i numeri, perché con essi, che corrispondevano alle lettere dell'alfabeto ebraico, si potevano esprimere il nome (o i vari nomi) di Dio e tutto il mondo che Dio, con la sua parola, aveva creato. E così siamo arrivati alla popolare "Cabala del Lotto". Cabala ovvero la scienza antica che, all'interpretazione dei sogni e dei loro simboli, degli avvenimenti e delle vicende della vita affianca un numero o più numeri, quei numeri che tanto interessano e, perché no, fanno palpitare gli appassionati del gioco dei Lotto! Concetti diversi come "sogno", "avvenire" e "numero" possono essere accomunati nell' 'unico concetto di "fortuna"! E ai giorni nostri, non solo gli esperti di cabala, ma anche altri, (come quegli straordinari personaggi dei quartieri popolari di Napoli) sanno trarre da un evento clamoroso, da una sciagura, o più modestamente dall'aver sognato "... la buon'anima che diceva..." i numeri per un ambo o un terno, spesso vincenti! IL LOTTO Il Lotto ha origini antichissime. La parola stessa può derivare dal latino "Ludus" (gioco) o dal germanico "Los" (sorte). Pare che il gioco dei Lotto, così come è adesso concepito, abbia avuto le sue origini a Genova. In questa città, infatti, già all'inizio del XVI secolo, si facevano delle scommesse sulle elezioni dei Senato della Repubblica, cioè sui nomi che sarebbero stati estratti dalle cosiddette "borse" o urne. Venne istituito così il "Gioco del Seminario", che aveva le stesse caratteristiche del gioco già in voga ma che prendeva il nome dalle l'urne del Seminario,' ovvero quelle che racchiudevano i nomi dei candidati. Sono interessanti da vedere negli archivi dei vari Stati le numerose leggi che istituivano il gioco e ne volevano limitare la diffusione. Nel Ducato di Milano fu emessa una "grida" nel 1644 che commissionava pene molto pesanti a coloro che si dedicavano al gioco genovese e questo prima che anche in questo Stato il gioco venisse regolamentato e preso in mano dall'autorità ducale, con notevole vantaggio per le sue casse. istanza fatta al Papa nel 1593 in cui si chiedeva che venisse tolta ad un ebreo che ne fruiva la concessione a gestire il gioco...Nel 1732 il Granduca fece pubblicare infatti un "bando" che minacciava una forte pena pecuniaria e lai galera, a "beneplacito" di sua Altezza serenissima, per gli scommettitori del gioco "genovese" e sicuramente questo bando non ebbe un grande effetto se ne fu emesso un altro, in cui si minacciavano, oltre alla multa ed alla galera, la tortura e "replicati tratti di fune", ovvero fustigazione pubblica! Ma questo terribile bando fu solo la premessa all'introduzione ufficiale, nel 1739, del gioco del Lotto, gestito dal governo di sua Altezza serenissima il Granduca. Solo per citare alcuni Stati italiani, potremo i ricordare che, come si può trovare documentato nei loro archivi, il gioco del Lotto fu legalizzato: a Genova nel 1646, a Venezia nel 1750, a Milano nel 1702, a Firenze nel 1739, a Roma nel 17351. All'estero fu adottato quasi ovunque, inizialmente con il metodo genovese, ma poi alcuni Stati, come l'Inghilterra la Francia, il Belgio e gli Stati germanici, lo abolirono giudicando cosa immorale. Prima della proclamazione del Regno d'Italia, avvenuta nel 1861, nello Stato italiano che ne sarebbe stato la culla e da dove sarebbe partita la spinta all'unificazione della penisola, cioè il Piemonte, il gioco del Lotto era stato all'inizio fortemente avversato, perché molti, lusingati a tentare la sorte, andavano oltre confine, con notevole esodo di capitali. Abbiamo nel maggio 1655 "lettere patenti" del Duca regnante Carlo Emanuele II che vietano l'abuso "dei più perniciosi giochi" minacciando pene severissime ai trasgressori (confisca delle somme sborsate a titolo di scommessa, confisca dei beni e cinque anni di galera!). Successivamente nel Piemonte si ebbero periodi alternati di concessione e di proibizione dei gioco del Lotto, questo sempre perché tale gioco portava denaro alle casse dello Stato. Nel 1674 il Duca si era visto costretto a accordare una speciale autorizzazione a un privato per l'appalto del gioco con il vincolo di versare allo Stato una parte delle entrate, e questo per dieci anni. Proclamato il Regno d'Italia, nel 1861, la prima Legge italiana sul gioco del Lotto, che ne regolava l'andamento e unificava l'amministrazione in tutto il Regno, si ebbe il 27 settembre 1863; la Legge aveva il n. 1483 e riordinava le regole del gioco in modo preciso e definitivo. Le Direzioni compartimentali dei Lotto erano otto: Bari, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia. Le estrazioni dei numeri erano pubbliche alla presenza di funzionari statali e erano effettuate da ragazzini, a turno, indicati dai vari Istituti di beneficenza: il ragazzo bendato contemporaneamente simboleggiava l'innocenza e la fortuna. Dagli incartamenti che si possono consultare negli archivi, può essere fatta una valutazione delle entrate, veramente notevoli, che l'erario ha ottenuto, fin dai primi momenti, dal gioco del Lotto, e anche dei contributo che le varie regioni e città danno singolarmente a queste entrate. [...]

QUANDO GIOCARE I NUMERI

Prima di tutto è bene sapere quando giocare: la tradizione vuole infatti che le previsioni ricavate tramite un sogno vadano seguite per tre estrazioni successive. E senza sgarrare. Il sogno di vincere, però, non passa solo attraverso il sonno. Ci sono le date di compleanni, anniversari, ricorrenze, la vita di tutti i giorni, eventi felici e funesti a far scendere la sabbia nella clessidra del giocatore. L'abbinamento tra eventi e numeri si perde nella notte dei tempi e ancora oggi riveste un ruolo importante nel mondo legato all'estrazione dei 90 numeri. C'è chi esce di casa, al mattino, e già prima di prendere un caffè si ritrova per la testa un paio di numeri "buoni". Perché per quelli "cattivi", nel Lotto, non c'è vita né spazio. Quali numeri puntare? Per scoprire il significato ed i numeri da puntare, relativi ad un qualsiasi riferimento terreno e non, è sufficiente consultare la Smorfia. La cosa, però, non finisce qui. Per mettere in gioco i numeri e far sì che i medesimi siano buoni occorrono alcuni astuti accorgimenti. Se la ruota dove puntare i numeri non trova particolari riscontri nei fatti che abbiamo "smorfiato" (se, ad esempio, abbiamo sognato di essere in una spiaggia di Palermo è evidente che il gioco andrà effettuato sulla ruota siciliana), bisogna seguire un percorso mentale assolutamente preciso: se nella vostra regione c'è la città che corrisponde ad una delle dieci ruote valide per il Lotto, allora la scelta è molto semplice. Viceversa, se non è presente una delle dieci città, allora dovrete puntare quella più vicina (ad esempio gli abitanti di Aosta potranno giocare su Torino mentre quelli di Reggio Calabria su Palermo). Da non trascurare una puntata anche su Tutte le ruote. Anche per la scelta della ruota dobbiamo fare i conti con la Cabala che indica Bari come ruota "preferita" da sogni. E allora? Un pizzico di fantasia, di intuito, di fiuto, in casi come questi non guasta, ma è la Fortuna che alla fine guida! Le combinazioni A seconda dei numeri ricavati si punterà sulle varie combinazioni. Se da un sogno scaturiscono tre numeri, giocheremo gli stessi per ambo e terno. Se gli estratti da puntare sono cinque o più, giocheremo la forbice che va dall'ambo alla cinquina. Quando le giocate ci vengono suggerite dai sogni, le puntate debbono necessariamente essere "pure" senza l'aggiunta di altri estratti. La tradizione vuole anche che non si debba rivelare a chicchessia il "dono" ricevuto in sogno, pena annullamento della loro validità. Nel caso decideste di farli conoscere è bene rivelarli solo a persone molto vicine (madre, padre, fratello, ecc.). Se poi vi siete dimenticati di giocare per l'estrazione successiva al sogno, non puntate più perché - sempre secondo le antiche usanze del gioco - i numeri perdono il proprio valore. [...]

I vostri problemi di sesso e sessualità sono subito risolti!