community of e-motions

RISULTATI DELLA RICERCA

La ricerca per la parola stimolazione anale ha restituito i seguenti risultati:

IL PUNTO L dell'UOMO

MA DOVE SI TROVA?Quando ho sentito parlare per la prima volta del punto L maschile ho pensato che fosse la solita follia femminista. Non volli neppure fare lo sforzo di capire di cosa si trattava. Era successo durante una conferenza della dottoressa Elisabetta Leslie Leonelli. Non potevo pensare che una donna avesse qualche cosa da insegnarmi sul mio orgasmo. Solo anni dopo, leggendo "Coccole e carezze" (della Leonelli) mi venne qualche dubbio e decisi di fare un esperimento. Ne restai folgorato. Tra l'altro capii come mai alcune volte avevo provato degli orgasmi fortissimi. Infatti si può sperimentare il piacere del punto L anche casualmente, non sapendo che esiste. Ma sapere dov'è e come trattarlo è meglio. Molto meglio. Ecco come Leslie Leonelli lo descrive: "... Mentre avevo davanti le sezioni laterali dei genitali maschili con i corpi cavernosi, i nervi, i testicoli, la prostata, ecc... mi sono resa conto, improvvisamente, di quanto la base del pene affondi profondamente dentro le pelvi. Ciò che si vede all'esterno del corpo costituisce meno della metà dell'intero apparato, mentre i corpi cavernosi, veri e propri protagonisti dell'erezione del pene, continuano all'interno delle pelvi, al di là dell'osso pubico, al di sotto della prostata, fin quasi a raggiungere la parete del retto."COME PROVOCARE IL PIACERE DEL PUNTO LQuesta zona alla radice del pene può essere sollecitata in vari modi:Succhiando. Attraverso il tubicino del pisello (l'uretra) è possibile sollecitare il punto L creando un'aspirazione. Le nostre progenitrici muovevano naturalmente i muscoli vaginali creando un'aspirazione durante il coito. Questo spiega perché il punto L si trova lì dov'è. Oggi poche donne sono consce dei propri muscoli vaginali e quindi è difficile che il punto L sia stimolato normalmente durante il rapporto sessuale.Lo stesso effetto lo si può ottenere attraverso un rapporto orale. Succhiando ritmicamente (cioè succhiare e poi smettere di succhiare ripetendo l'operazione in rapida sequenza) si può sollecitare ottimamente il punto L maschile. È anzi possibile far arrivare all'orgasmo un uomo soltanto succhiandolo, appoggiando le labbra sulla punta del pene, come fosse una cannuccia, senza toccarlo altrimenti. Ovviamente non per tutti è uguale e il succhiare non dovrà essere troppo forte. Fate attenzione perché, se esagerate, potrebbe essere irritante. Va poi detto che sarà bene continuare l'aspirazione dell'orgasmo dato dalla stimolazione del punto sensibile sotto il glande (la clitoride) anche durante l'eiaculazione. Infatti l'orgasmo del punto L è molto più lungo nel maschio. Sarebbe un peccato interrompere il godimento.Sollecitare con un massaggio delicato ma profondo la zona del perineo, tra l'attacco dello scroto (la sacca che contiene i testicoli) e l'ano. E possibile sollecitare il punto L attraverso la stimolazione anale.Questo spiega tra l'altro perché gli omosessuali possono raggiungere l'orgasmo attraverso la penetrazione anale o perché tanti uomini gradiscano essere penetrati con un dito durante un rapporto sessuale. Fino a ieri si ipotizzava una capacità della prostata di provare piacere. Ecco cosa scrivevano Ladas, Whipple e Perry sul libro "Il Punto G":"... E in effetti uno dei motivi per cui alcuni uomini provano piacere nel rapporto omosessuale è che spesso, in un'unione di questo tipo, la prostata viene stimolata più facilmente che in un rapporto eterosessuale".La dottoressa Leonelli ha però dimostrato che le cose stanno diversamente. Infatti, come si potrebbe raggiungere questo tipo di orgasmo profondo con il sistema dell'aspirazione e del massaggio perineale se il centro si trovasse nella prostata che è raggiungibile solo per via anale?L'ORGASMO DEL PUNTO LL'orgasmo nel suo complesso è ancora un fenomeno poco conosciuto scientificamente e solo sommariamente esplorato dalla narrativa. Cosa succede esattamente quando godiamo? E in particolare, come gode il maschio? Potremmo dire che vi sono quattro tipi di piacere.Il piacere di un semplice contatto genitale, una carezza o un bacio. Diventa particolarmente forte, accompagnato quasi da un mancamento emotivo, quando viene toccato in modo appropriato il punto più sensibile (la clitoride del maschio). Questa sensazione però spesso o non viene avvertita. La si sente solo quando c'è una sufficiente partecipazione emotiva. Sennò accade di fare solo su e giù attendendo che arrivi il piacere dell'orgasmo. Si è come anestetizzati. Le carezze, i baci o lo sfregamento danno piacere solo perché sono un preludio all'eiaculazione ma in quel momento non si prova nulla di speciale. Succede quando non si riesce a lasciarsi andare.Prima dell'eiaculazione il piacere cresce, diventa una sensazione acuta. Generalmente si arriva a un punto di resistenza. Cioè ci si sente compressi e poi si percepisce qualcosa che scatta. Come se fosse crollata la diga che tratteneva il seme. Si sentono alcune rapidissime scariche di piacere. Generalmente non più di quattro o cinque, che durano pochi secondi. Solo più raramente si arriva all'eiaculazione senza quel momento di resistenza. Allora le scariche di piacere possono essere di più e più forti e dotate di maggior profondità. Questa "resistenza" è causata da una eccessiva contrazione involontaria del muscoli che stanno tra il pube e l'ano.Alle sensazioni di piacere e agli orgasmi più forti possono essere associate sensazioni piacevoli diffuse in tutto il corpo come brividi o ondate di calore. Si tratta di un piacere accessorio non localizzato nell'area genitale ma generalizzato in tutto il corpo.Quando si sollecita il punto L c'è un sufficiente coinvolgimento emotivo e l'abbandono amoroso, si sperimenta un orgasmo che travolge arrivando in modo lento, graduale, senza scatti e senza resistenze, con la fluidità di un respiro. Le scariche di piacere sono più forti, meno acute, più tonde, più calde, più profonde. E soprattutto più lunghe. L'orgasmo inizia prima dell'eiaculazione e finisce dopo che l'ultimo schizzo è stato liberato. È un'orgasmo che contiene in sé tutti gli altri piaceri fin qui nominati e si diffonde in tutto il corpo. Cioè gente... una cosa da provare. Comunque, cari amici, il piacere del punto L non è ancora il massimo che potete provare.Attraverso la respirazione, il rilassamento del basso ventre e altre tecniche è possibile (con la persona giusta) arrivare a toccare vette di piacere ancora più alte.IL POSTILLONAGEIl Postillonage a volte chiamato anche mungitura della prostata (dall'inglese prostate milking) è una tecnica che prevede il massaggio della prostata allo scopo di ritardare l'orgasmo maschile (e la conseguente eiaculazione) e di aumentarne l'intensità.Il massaggio può avvenire sia in modo indiretto, premendo al centro del perineo (la zona compresa tra i testicoli e l'ano), che in modo diretto, introducendo parte della mano o altri oggetti (preferibilmente lubrificati per evitare abrasioni) nell'ano per circa 5 cm.L'individuazione della prostata è semplice giacché in seguito all'eccitazione l'afflusso di sangue la ingrossa e la indurisce.La ghiandola prostatica è la zona erogena più sensibile nel maschio, e per questo viene paragonato al punto G femminile, col nome di "punto A"; grazie a questa sensibilità gli orgasmi raggiunti con l'ausilio del massaggio della prostata (in aggiunta alle altre pratiche sessuali) hanno generalmente un'intensità notevolmente maggiore, oltre che una maggiore durata.Il postillonage come tabùIn alcuni paesi, tra cui l'Italia, la pratica del postillonage, come tutte quelle riconducibili al sesso anale, è un tabù molto diffuso[senza fonte]. Questo perché coloro che nutrono timore verso l'omosessualità, tendono ad evitare quelle pratiche e quei comportamenti che associano ad essa[senza fonte]. Tuttavia va ricordato per chiarezza, che l'omosessualità consiste nell'attrazione per individui del proprio sesso, e che invece i piaceri derivanti dalla stimolazione dell'ano e della prostata, non sono ad essa collegati, ma dipendono dalla conformazione biologica di tutti i maschi. [...]

SEGRETI DEL SESSO ANALE

Perché secondo voi il sesso anale piace tanto agli uomini? In genere sono le donne ad avere timore di parlarne con le amiche o con il proprio partner o hanno paura di provare certe esperienze. Dal punto di vista fisico la penetrazione anale per l’uomo potrebbe essere più piacevole di quella vaginale per il semplice fatto che l’ano ha una conformazione anatomica più stretta e quindi esercita maggiore pressione sull’organo maschile.Se è l’uomo invece a riceverla? La stimolazione della prostata e delle mucose anali provoca una maggiore sensazione di piacere nell’uomo. Occhio a non confondere la preferenza della stimolazione anale con l’omosessualità. La sodomia (vecchio termine usato per indicare le pratiche sessuali… diciamo non curriculari, ovvero non destinate alla procreazione) veniva praticata anticamente per «sottomettere» uno schiavo o altri uomini, come simbolo di potere. E magari la posizione «a tergo» tipica di questa pratica sessuale potrebbe richiamare un po’ questo significato a livello psicologico nel maschio.ALLE DONNE PIACE?Alcune donne preferiscono i rapporti anali a causa di problemi sessuali (per esempio il dolore vaginale durante l’atto sessuale o la vulvodinia) o per il desiderio di sottomissione, ma molto più semplicemente perché riconoscono la sessualità in ogni gesto del partner e la sanno sfruttare. Altre invece non la hanno mai provata e preferiscono non praticarla perché non procura loro piacere, per pudore personale, perché provano dolore, per riluttanza psicologica o semplicemente per paura. Lo sapevate che tra le perversioni diagnosticate nei manuali di psicologi e psichiatri esiste la clismofilia, cioè la possibilità di provare piacere dall’introduzione di sostanze nell’ano con l’utilizzo di clisteri? Ecco alcuni consigli utili da seguire per una sana pratica della sessualità anale. Cominciate con una sufficiente lubrificazione. L’ano è una zona sensibile ma che non si lubrifica come la vagina, potreste ferire il vostro lui o la vostra lei. Utilizzate lubrificanti a base di acqua e silicone. Rilassatevi, magari accarezzando lo sfintere anale o inserendo prima un dito. La penetrazione deve essere dolce. Utilizzate sempre il preservativo e non passare mai dalla penetrazione anale a quella vaginale: c’è il rischio di trasmissione di batteri. Scegliete la posizione più comoda per voi e per il partner; ad esempio su un fianco, a tergo per la stimolazione del clitoride. Non dimenticate mai di parlare con il vostro partner: comunicate ogni fastidio, desiderio o sensazione. [...]

COME FARLO GODERE COL SESSO ANALE

Il sesso anale è uno dei topic più caldi di questi ultimi tempi. Se ne parla e si pratica sempre di più all’interno della coppia eterosessuale, sia quando è la donna a riceverlo ma, non ci crederai, anche quando succede il contrario.E se un uomo etero, si dovesse domandare per quale motivo avventurarsi in quella direzione o se una donna etero, si stesse domandando in che modo rendere ancora più strabiliante l’intesa con il suo partner… beh, eccovi un po’ di motivi per farlo all’incontrario!Perché anche lui ha il punto "X" CHE SI CHIAMA PUNTO LQuando esplori le zone erogene del tuo lui ti soffermi sui lobi delle sue orecchie, lo baci sul collo, gli stimoli i capezzoli, ma sai bene che quello che lo manda in estasi è… lo stesso che manda in estasi te, ovvero il pene.Ma non sottovalutare il potere dell’ano, sia in quanto zona estremamente sensibile in sé perché dotata di innumerevoli terminazioni nervose, sia in quanto mezzo di accesso a una delle sue zone erogene più potenti che, per renderci le cose più difficili (ma intriganti!), è situata proprio lungo il canale rettale, precisamente all’esterno di esso, a una profondità di circa 5 cm: la prostata.La prostata, che generalmente associamo ai problemi che gli uomini iniziano ad avere a una certa età, è una piccola ghiandola la cui funzione è quella di produrre il liquido seminale che andrà a costituire lo sperma e, quando l’uomo si eccita inizia a contrarsi ritmicamente, provocando sensazioni molto piacevoli.Può essere stimolata in due modi: premendo la zona compresa tra lo scroto e l’ano o inserendo un dito (o un oggetto erotico) all’interno dell’ano. La zona non a caso è stata ribattezzata ‘il punto G maschile’, perché scatena orgasmi che gli uomini descrivono come molto diversi da quelli raggiunti tramite la stimolazione del pene: più lunghi, più potenti, più ‘totali’.I preliminariDiciamo che con questa digressione sull’orgasmo prostatico vi abbiamo convinto a provare, cosa dovete fare adesso? Innanzitutto, come succede anche quando è lei a ricevere il sesso anale, occorre estrema igiene, massimo relax, moltissima lubrificazione. Partiamo dall’igiene: poiché le pareti del retto sono estremamente porose e fragili e la zona particolarmente delicata anche da un punto di vista psicologico, il nostro consiglio è di cominciare con una doccia rilassante, che oltre a farti sentire al top della tua desiderabilità, ti aiuta anche a rilassare i muscoli.Ti consigliamo poi di usare un preservativo per ricoprire qualsiasi oggetto di cui facciate uso, non solo ti protegge, ma rende anche l’inserimento più facile in quanto illubrificante reagisce meglio alla superficie del condom. E infine togliamoci questo sassolino dalla scarpa: il retto è semplicemente un canale di passaggio per i rifiuti del nostro corpo, niente di quello che temi  può rimanere lì dentro.Ora che sei ma, soprattutto, ti senti pulito, il tuo obiettivo è rilassarti al massimo. L’ano è un muscolo circolare che tende a contrarsi automaticamente niente paura quindi se, inserendo un dito, la tua prima reazione è di rifiuto. Continua con la stimolazione, partendo dall’esterno, con un dito ben lubrificato e senza unghie sporgenti, e ricorda che più sei eccitato, meglio è.Infine, come anticipato, la lubrificazione è la chiave per un’esperienza anale appagante, quindi non lesinare.Ok, sei pulito, profumato, rilassato, tu e la tua compagna sfoggiate una manicure impeccabile e hai una pila di preservativi e un flacone di lubrificante di fianco a te.Ottimo! Potete cominciare con una stimolazione di tutto il lato B del corpo: nuca, schiena, incavi delle ginocchia, natiche… per farvi sempre più vicini. Continuate con un massaggio circolare e esterno della zona anale, finché non sentirete il muscolo così rilassato da provare una prima breve e piccola intrusione. Puoi usare il tuo dito, o quello della tua compagna, ma anche un sex toy: l’ideale è usare un massaggiatore o un dildo pensato proprio per la stimolazione anale e quindi dotato di una base allargata che impedisce all’oggetto di perdersi dentro il tuo corpo. Le regole rimangono comunque le stesse: massima calma, relax, e procedere per tentativi. Pian piano i muscoli si rilassano e l’ingresso diventa più facile. E soprattutto non dimenticare di comunicare alla partner le tue sensazioni e i tuoi desideri, non solo ti permetterà di guidarla nel labirinto della tua eccitazione, ma risulterà anche estremamente erotico. Per te e per lei.I massaggiatori prostaticiIl miglior alleato, nel caso del sesso anale, è indubbiamente un massaggiatore prostatico. Che non solo ti permette di raggiungere la prostata molto più facilmente di quanto riusciresti a fare con un dito (soprattutto se sei da solo) ma, in alcuni casi, ti offre anche una strabiliante stimolazione doppia, come HUGO™ per esempio, che non solo raggiunge la prostata dall’interno, ma la sollecita anche dall’esterno. Ci sono poi anche dei massaggiatori prostatici che riproducono il movimento di un dito che si ripiega su se stesso, che è proprio il tipo di movimento ideale per toccare la prostata (e il punto G femminile).Il pegging e lo strap-onMa, ovviamente, accanto all’aspetto meramente fisico della stimolazione anale, esiste anche tutta la parte ‘psicologica’, quella che eccita e appaga la nostra immaginazione erotica.E, nel caso in cui è lui a ricevere il sesso anale, può essere di vario tipo: l’idea di fare una cosa che molti considerano tabù all’interno di una relazione eterosessuale. L’idea di essere estremamente vicini, intimi, proprio perché insieme si affronta un percorso diverso. L’idea, eccitante per l’uomo, di essere dominato, anche sessualmente da una donna e, viceversa per la donna, di dominare il suo uomo. Ed è sull’onda di quest’ultima fantasia dal sapore un po’ BDSM, che si sta diffondendo sempre di più la pratica del pegging: la donna indossa un fallo artificiale, detto appunto strap-on, che fissa ai propri fianchi con una cintura apposita, che è spesso dotata di un dildo interno, e ‘penetra’ analmente l’uomo. I due partner ricevono così una stimolazione contemporanea anche se la situazione è completamente rovesciata.Indubbiamente il pegging può costituire un’esperienza estremamente stimolante per la coppia, sia a livello fisico che emotivo.Sesso anale sì (ma anche no)Concludiamo con la stessa raccomandazione data alle donne, se il sesso anale ti incuriosisce, ti eccita, se vuoi arrivare a provare un orgasmo anale, non ti scoraggiare ai primi tentativi e magari non partire con il pegging. Comincia con un dito (meglio ancora? Con la lingua!), prosegui inserendo un massaggiatore prostatico ‘singolo’, procedi con uno a doppia azione e, a questo punto, se ti va, se la tua compagna è d’accordo, passa allo strap on. Nessuno ti impedisce di fermarti in qualsiasi punto di questa escalation di piacere.E non avere nessuna curiosità nei confronti del sesso anale, così come amarlo alla follia, non significa essere meno ‘uomo’, ma solo che la tua curiosità funziona diversamente.Perché, se il mondo è bello perché è vario, il mondo del sesso è bellissimo perché è varissimo! [...]

I vostri problemi di sesso e sessualità sono subito risolti!