RISULTATI DELLA RICERCA

La ricerca per la parola viagra ha restituito i seguenti risultati:

OSTRICHE A TAVOLA, MA NON SOLO....

Dedicato a tutti i lettori che andranno in vacanza nella Francia Occidentale, patria delle migliori ostriche che si possano apprezzare nei (relativi) dintorni. Ma i consigli che vi diamo questa settimana possono essere applicati anche da tutti coloro che si trovano in qualsiasi localita' di villeggiatura marittima, o al limite anche in citta', purche' conoscano un ristorantino rifornito di pesce fresco. Tutti conoscono le proprieta' afrodisiache dell'ostrica: questo prodigioso mollusco marino, se ingerito crudo (meglio se condito da un'abbondante dose di limone), viene descritto come un portentoso sostituto naturale del viagra. Molti scettici sono pronti a giurare che non si tratti di altro se non di uno scarso "condizionamento autoindotto", ma per una volta, specie se in vacanza, vale la pena provare. E per concludere degnamente la serata dell'ostrica, tanto vale provare l'ononima posizione: specie se si tratta di met tere a frutto l'investimento appena fatto. La posizione detta "unione dell'ostrica" vede la donna sdraiata sul dorso ripiegare le coscie contro il ventre. L'uomo, inginocchiato davanti a lei, la tiene per le ginocchia e utilizza le coscie della compagna come un supporto per facilitare il movimento ondulatorio e conservare un ritmo regolare. La penetrazione e' profonda ed incoraggia una buona ampiezza di movimenti; la stimolazione e' ottima per entrambi poiche' la vagina si comprime sul pene. Attenzione: procedere con cautela. Puo' essere doloroso per lei se la penetrazione e' troppo profonda: necessaria una fase intensa di preliminari. UN CONSIGLIO PER LUI: Per una volta non fate i taccagni e portatela nel miglior ristorante della citta'. Se la portate in una bettola e vi fidate delle ostriche crude che vi servono, potreste trascorrere il resto della serata in una stanza molto meno eccitante della camera da letto. UN CONSIGLIO PER LEI: La posizione dell'ostrica permette un intenso contatto visivo: ripagatelo della costosa cena inframezzandouno sguardo "assassino" a qualche parolina oscena... lui gradira'. LA SCIMMIA CHE CANTA [...]

ARRIVA IL VIAGRA FEMMINILE

Come funziona il Viagra femminile?Approvata definitivamente negli Usa la flibanserina, il farmaco per la libido femminile già soprannominato “Viagra rosa”. Ecco il suo (misterioso) funzionamento.La Food and Drug Administration americana ha approvato ufficialmente il primo farmaco che tratta i problemi di libido delle donne. Già ribattezzato Viagra femminile, o Viagra rosa, laflibanserina riguarda disordini che si stima colpiscano una donna su dieci, quelli da “desiderio sessuale ipoattivo”, una mancanza di desiderio in un periodo più o meno lungo che può provocare stress, problemi interpersonali e in alcuni casi depressione. Lanota ufficiale della Fda parla di uso per le donne in pre-menopausa. Un percorso, quello di approvazione dell’Addyi, prodotto realizzato dalla Sprout Pharmaceutical nei primi anni del Duemila, piuttosto accidentato, dato che si conclude solo oggi (ultimo giorno burocraticamente utile), dopo essere stato interrotto due volte a causa di pareri negativi di un comitato consultivo. Di recente, poi, c’è stato il voto a favore di 18 membri del comitato contro 6.Anche se è soprannominato Viagra femminile, sono diverse le differenze rispetto al più famoso farmaco per trattare i problemi erettili maschili.Innanzitutto, la pillola di flibanserina andrebbe assunta ogni sera e non prima dell’atto sessuale (come il Viagra), preferibilmente poco prima di andare a dormire. Un’indicazione, questa, che mira a ridurre gli eventuali problemi di pressione bassa e sonnolenza/sedazione che può causare.Inoltre, il Viagra è un farmaco usato per trattare la disfunzione erettile che segue un meccanismo semplice per un problema fisico semplice: invia più sangue al pene per tenerlo eretto e presuppone che sia presente il desiderio sessuale. “Un accurato equivalente femminile del Viagra avrebbe dovuto, al limite, agire direttamente sul clitoride” ha commentato Andrew Thomson, psicologo dell’Università della Virginia. La flibanserina, invece, non lavora sui genitali, ma sui recettori del cervello e mira proprio ad aumentare il desiderio sessuale.La pillola è stata infatti originariamente usata per trattare la depressione e, inizialmente, gli scienziati temevano che avrebbe diminuito, e non promosso, il desiderio sessuale. La sostanza è infatti un agonista 5HT1A e 5HT2A, e condivide meccanismi comuni con l’antidepressivo buspirone. Come agonista 5HT1A promuove il rilascio di dopamina, legata ai meccanismi di piacere e appagamento. Inoltre, la flibanserina promuove anche il rilascio di noradrenalina, che entra in gioco quando si presenta uno stimolo esterno. Al di là di questi dati tecnici, comunque, nessuno è veramente certo di come il farmaco riesca a sollecitare il desiderio sessuale femminile, qualcosa di più sfumato e complicato di un’erezione, essendo il risultato di una danza tra piùneurotrasmettitori.Non mancano, naturalmente, gli effetti collaterali, che hanno alimentato il dibattito sulla flibanserina nei mesi scorsi. Il farmaco può causare ipotensione e perdita di coscienza, rischio che aumenta sensibilmente quando c’è interazione con alcool, la cui assunzione durante il trattamento è perciò controindicata.È interessante notare, infine, come si conclude il comunicato della Fda: “L’Addyi (flibanserina) è un agonista recettore 1A della serotonina e antagonista recettore 2A, ma il meccanismo per cui il farmaco migliora il desiderio sessuale e i relativi disturbi è sconosciuto”. Segno che, forse, il desiderio sessuale femminile è destinato a restare un mistero. [...]

UN MORSO DI RAGNO PER 4 ORE DI EREZIONE

Secondo un recente studio il veleno di un ragno tropicale potrebbe aiutare nel trattamento di alcuni disturbi sessuali maschili. (Focus.it, 22 marzo 2011).I ragni, soprattutto quello grossi, pelosi e velenosi, non sono certo i migliori amici dell'uomo, ma presto potrebbero diventarlo. Un recente studio condotto da Kenia Nunes, fisiologa presso il Medical College della Georgia e pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, ha evidenziato come il veleno del ragno vagante brasiliano (Phoneutria nigriventer) possa essere impiegato con successo nel trattamento della disfuzione erettile maschile.Un morso... lì? L'aracnide in questione, detto anche ragno delle banane, è un bestione che da zampa a zampa può arrivare ai 15 centimetri di lunghezza. Vive nelle piantagioni di banane del Brasile e il suo morso, se non curato con uno specifico antidoto, può portare alla paralisi muscolare e alla morte per asfissia. Chi è sopravvissuto a questa poco piacevole esperienza, ha manifestato, tra gli altri sintomi, delle dolorose erezioni durate anche 4 o 5 ore consecutive: è il priapismo, un malfunzionamento dell'apparato genitale maschile le cui conseguenze possono essere anche gravi.La Nunes, ha scoperto che questo effetto è causato da un peptide chiamato PnTx2-6 presente nel veleno del ragno. Opportunamente utilizzata, questa molecola si è dimostrata in grado di ridonare la virilità perduta a un gruppo di topi affetti da disfunzione erettile.Secondo lo studio, il peptide provocherebbe l'erezione utilizzando meccanismi diversi rispetto ai farmaci convenzionali (per esempio il Viagra) e questo potrebbe renderlo efficace anche sui pazienti che non rispondono alle normali terapie. Prima di poter pensare ad un farmaco a base di veleno di ragno passeranno comunque ancora molti anni. Nel frattempo la Nunes vuole verificare l'utilizzo della tossina nel trattamento delle disfunzioni sessuali femminili. [...]

I vostri problemi di sesso e sessualità sono subito risolti!