community of e-motions
GUIDE SESSO LUI

Il punto G Meglio guardare al punto C

Image title

Uno studio statunitense avverte: la difficoltà nel raggiungere l’orgasmo, che tocca fino al 34% delle donne, potrebbe nascondersi nell’anatomia del clitoride, “origine di buona parte del piacere sessuale femminile”. Ma anche in un diverso atteggiamento sotto le lenzuola.

“Non c’è un punto G, esiste piuttosto un punto C”. Amen. A emettere la sentenza, certo relativa, è la ginecologa Susan Oakley del Good Samaritan Hospital di Cincinnati, Ohio. La scienziata ha condotto un’analisi su 32 donne di circa 32 anni, una decina delle quali con grandi difficoltà a raggiungere l’orgasmo nel corso del rapporto sessuale. Non è un problema raro, tutto il contrario: secondo alcuni studi ne soffrirebbe fra il 18 e il 34 per cento delle donne. Inoltre meno della metà di quelle sposate vive un orgasmo a ogni rapporto e solo il 15 per cento ne ha sperimentati di multipli.

Il problema? Altro che punto G, smentito d’altronde dalla quasi totalità degli studi condotti: la faccenda gira piuttosto intorno al clitoride, “origine di buona parte del piacere sessuale femminile”, secondo la dottoressa. Potrebbe infatti esseretroppo piccolo o anche troppo lontano dalla vagina. Tradotto: le dimensioni potrebbero essere importanti. Anche per la donna.

L’indagine, pubblicata di recente sul Journal of Sexual Medicine, ruota intorno a una risonanza magnetica alla zona pelvica delle 32 volontarie. Nel gruppo che ha difficoltà a raggiungere l’orgasmo, a quanto pare, il clitoride è mediamente più piccolo e anche più distante di 5-6 millimetri. Dettagli a parte, rimangono alcuni dubbi per esempio sulrapporto che lega questa constatazione morfologica all’esperienza sessuale nel suo complesso: “Il problema è sempre quello dell’uovo o della gallina – ha spiegato Oakley –non sappiamo se le donne che hanno un clitoride più grande lo abbiano in virtù del fatto che hanno sperimentato più orgasmi o se essere nate con l’organo più sviluppato permetta loro di sperimentare meglio il piacere”.

Per esempio, una distanza ridotta potrebbe favorire la stimolazione del clitoride durante il rapporto. Un organo più grande, e dunque più innervato, sarebbe invece in grado di produrre sensazioni più stimolanti e soddisfacenti. Tuttavia il punto C potrebbe non essere l’unico aspetto del problema. “Il piacere sessuale femminile è ovviamente molto soggettivo – ha aggiunto la responsabile dello studio – riguarda anche l’aspetto psicosociale. In questo caso, però, stiamo tentando di concentrarci su quello anatomico”.

Dai questionari distribuiti alle volontarie gli scienziati statunitensi hanno infatti verificato, oltre al desiderio, all’attrazione e alla percezione di sé stesse, che anche gliatteggiamenti sotto le lenzuola erano significativamente diversi. In che modo? Le donne con problemi di orgasmo prediligevano la cosiddetta “posizione del missionario” mentre il resto del gruppo posizioni diverse, in particolare sopra al partner. Che il segreto si nasconda semplicemente in un pizzico di fantasia in più?

Articolo letto volte.

SCOPRI Altri contenuti

Contenuto esplicito: si consiglia ad un pubblico maggiorenne!

CONTENUTO PER ADULTI

L'APP XXX di MIMANCHITU

L'app di MIMANCHITU