community of e-motions

CALO DEL DESIDERIO: EVITIATELO INSIEME

CALO DEL DESIDERIO: COSA FARE PER EVITARLO

È facile lasciare la briglia sciolta al puledro del desiderio sessuale da giovani. Quando si è adolescenti e la pubertà è da poco terminata il problema non è certo quello di un ridotto desiderio sessuale; semmai il contrario. Ma quando condividiamo lo stesso letto con la stessa persona da tanti tanti anni, come fare a continuare a desiderarla? Anche se spesso invochiamo il sentimento amoroso come la colla che ci tiene insieme, il sesso ha tra i suoi motori principali proprio la varietà, qualcosa di lontano, lontanissimo dal nostro bisogno di una scelta sentimentale che duri un’intera vita.

Una delle tecniche che i sessuologi suggeriscono per mantenere alto il desiderio consiste nel dare libero sfogo alle fantasie erotiche. Ne abbiamo tutti un po’ paura: crediamo che quei pensieri strani, così inconfessabili, particolari, che talvolta ci vengono mentre ci eccitiamo siano il nostro lato oscuro, siano il segno di una nostra perversione nascosta. Li scambiamo proprio per perversioni latenti. Pronte a esplodere se appena si lascia spazio e si abbassa la guardia. Così, anziché “usare” le fantasie per continuare a far bene l’amore le reprimiamo, le nascondiamo e ci vergogniamo anche con noi stessi.

Uomini che sognano di essere a letto con 2 o più donne, donne che vagheggiano amori saffici, coiti violenti: non c’è limite alle umane fantasie. Non è realtà. Pochi, pochissimi sono i veri perversi che tentano di mettere in pratica queste fantasie. Si distinguono dalla grande maggioranza proprio perché non sono in grado di fare l’amore in altro modo, se non con l’ausilio di borchie e frustini, in presenza di estranei, in un parco pubblico. Chiamiamo infatti perversioni sessuali solo l’essere obbligati a certi comportamenti per trovare un poco di soddisfazione sessuale. Un poco, solo un poco, perché il perverso, nonostante l’impegno, ha sempre grandi difficoltà ad avere appagamento. Nulla di più lontano dalle fantasie, che vivono in un mondo a parte, separato e lontano da quello reale. Ecco perché non ha senso temerle. Ecco perché sono utili per continuare ad amare.

Quando, nonostante l’amore, il desiderio si affievolisce e la vita sessuale si ripete uguale a se stessa per poi cessare del tutto, ci sono altre cose da fare. Vengono consigliate due cose apparentemente in contraddizione: imparare a dire di sì e imparare a dire di no. Imparare a dire di sì significa che quanto più si fa l’amore tanto più si desidera farlo, grazie alla secrezione di testosterone che accompagna l’atto sessuale in entrambi i sessi. Chi si ferma è perduto!, verrebbe da dire. Ed è proprio così. Ma occorre anche imparare a dire di no. Che significa imparare a non dare troppo peso a un rifiuto. Può succedere che non si abbia voglia di fare l’amore, e non necessariamente questo deve rappresentare il fallimento di un progetto di coppia. Insomma, ciascuno deve trovare la sua strada per escludere dalla camera da letto lo stress e i pensieri che distraggono, per reinventare ogni volta il sesso, quasi che fosse la prima volta.

Uno dei fattori che minano il desiderio sessuale è lo stress. Animali ed esseri umani dispongono di meccanismi per rinunciare agli “optional” (come il sesso) quando c’è una eccessiva pressione da parte dell’ambiente. Il significato di questi meccanismi è che non ci si deve riprodurre in condizioni di pericolo. Quando è sotto stress, sia fisico che emotivo, il cervello produce le ben note endorfine, gli oppioidi naturali che se da una parte ci aiutano a sopportare meglio una situazione negativa (sono sostanze analgesiche capaci di dare benessere) sono anche potenti ormoni antisessuali. Per questo l’ultima cosa che ci viene in mente è di fare l’amore quando siamo sotto pressione, quando siamo preoccupati o abbiamo seri problemi. È naturale e non serve forzare la mano. Occorre aspettare di poter dominare lo stress.

Anche droghe, alcool e farmaci abbassano il desiderio sessuale, soprattutto quando se ne abusa. Per non parlare delle malattie in generale che mettono in atto tutti quei meccanismi di risparmio sulle funzioni non essenziali (ancora una volta: il sesso) di cui abbiamo appena detto, e di quelle endocrine che con i loro ormoni in eccesso o in difetto interferiscono specificamente coi meccanismi del desiderio. Sono tutte condizioni che un bravo sessuologo medico deve escludere quando ha a che fare con il calo del desiderio.

Molti pensano di poter sopperire alla mancanza di desiderio con i cosiddetti afrodisiaci. La scienza moderna ha sempre affermato che cibi o sostanze più o meno naturali capaci di suscitare il desiderio sessuale assopito non esistono. E probabilmente è così. Tuttavia, è la stessa scienza che ci informa che desiderio sessuale, gusto e olfatto sono funzioni collocate nel nostro cervello nelle stesse aree. La vista, l’odore o il semplice ricordo di un cibo è in grado di evocare un’infinità di sensazioni. Queste funzioni sono infatti collocate nel rinencefalo, nella parte tra le più antiche del nostro cervello. Dove sono posti i centri regolatori dell’olfatto, dell’alimentazione e, naturalmente, del sesso.

Sono considerati afrodisiaci i cibi che evocano nella forma gli organi genitali (ostriche, asparagi), o piccanti (peperoncino) perché danno la sensazione di calore, o costosi (tartufo) perché indicano attenzione e passione, che però contiene effettivamente nel suo profumo ormoni volatili simili al testosterone. Ma l’unico vero afrodisiaco è la polenta, ma a condizione che sia solo quella a essere mangiata: è l’unico cibo che non contiene un aminoacido che serve per costruire l’ormone che inibisce il desiderio sessuale, la serotonina. I ratti da laboratorio alimentati solo con farina di granturco hanno sviluppato un comportamento sessuale così dirompente che arrivati a un certo punto non distinguevano più il sesso del partner con cui tentavano l’accoppiamento. Ma per gli esseri umani passere mesi mangiando solo polenta non è facile. Meglio allora ricordare un vecchissima storiella che risale alla tradizione medioevale: "Ti mostrerò un filtro amoroso che non contiene medicamenti, né erbe, né incantesimi di una strega. Ed è questo: se vuoi essere amato, allora devi prima amare."

Il desiderio sessuale

- il 5% dei matrimoni non è consumato per mancanza di desiderio
- nel primo anno di matrimonio la media annua di rapporti sessuali è 200
- nel quinto anno 50 (un quarto)
- nel decimo anno 20 (un decimo)

La mancanza del desiderio

Le 5 cause della mancanza del desiderio sono:
- consuetudine, abitudine e stress
- traumi sessuali, impotenza, eiaculazione precoce, frigidità e anorgasmia - farmaci, droghe e alcol
- malattie ormonali
- malattie sistemiche e psichiatriche

Le terapie del desiderio

Le 5 terapie del desiderio ipoattivo
- Identificare ed eliminare le cause organiche e psichiatriche
- Dire di no
- Dire di si
- Liberare le fantasie
- Ormoni androgeni

Non c'è desiderio?

I 10 sintomi della mancanza del desiderio
- abusare del telefono nelle ore più adatte a fare sesso
- abusare della televisione nelle ore più adatte a fare sesso
-iniziare una discussione nelle ore più adatte per fare sesso
- accusare vari malesseri soggettivi
- coricarsi prima o dopo il coniuge
- lasciare la porta della camera aperta
- lasciare che i bambini vengano nel lettone
- trascurare aspetto e igiene
- stordirsi di alcool e sedativi
- avere rapporti sbrigativi e monotoni

Articolo letto 2987 volte.

SCOPRI Altri contenuti

CONTENUTO PER ADULTI

STAI CERCANDO UN CONSULTORIO?

Utilizza questo modulo di ricerca per selezionare la zona in cui cercare un Consultorio familiare:

I vostri problemi di sesso e sessualità sono subito risolti!