community of e-motions

RISULTATI DELLA RICERCA

La ricerca per la parola sesso e mestruazioni ha restituito i seguenti risultati:

Sesso e mestruazioni: come fare e cosa non fare

Come comportarsi davanti a quei giorni in cui ci sembra impossibile poter liberamente fare l'amore? La prima suggestione riguarda l’avvento del menarca, la prima mestruazione. Per ogni ragazza questo è un momento molto importante nel processo di crescita, poiché è carico di vissuti che determineranno profondamente il rapporto con il proprio corpo e il suo modo di sentirsi donna. E. Deutsch (45) parla di un periodo di aspettativa, variabile da persona a persona, durante il quale avviene una maturazione fisica e una preparazione psicologica alla femminilità. In questo processo maturativo entrano in gioco le esperienze infantili della ragazza relative ai segreti della madre circa le mestruazioni. Più la ragazza è giovane e più l’evento mestruazioni, a livello emotivo, suscita in lei sensazioni sconvolgenti e si può insinuare il pensiero che la femminilità sia qualcosa di doloroso, sanguinoso, sporco, pericoloso. Numerose possono essere le conseguenze di un simile vissuto: la mestruazione non viene sentita come parte integrante del proprio essere femminile, quanto analoga a una funzione escretoria, un rifiuto del corpo, qualcosa che non serve e di cui ci si deve solo vergognare (pare che questo vissuto accomuni donne e ragazze che soffrono o hanno sofferto di enuresi, enterite, nevrosi ossessiva, debolezza vescicale, o più semplicemente coloro che, nel periodo delle mestruazioni, stanno a letto). Il menarca assume infatti, nella psicologia femminile, secondo gli autori di matrice psicoanalitica, l’importante funzione di organizzatore della vita dell’adolescente, che le permette di “scandire la vita regolandola secondo le fasi procreative: non a caso vengono chiamate regole” (Vegetti Finzi, Battistin, 00). Quando esso non viene accolto e compreso nel suo significato positivo può dare origine a diverse reazioni di disagio e malessere psicologico, se non addirittura sfociare nella patologia. Ipereccitabilità, sensazioni di malessere, scarsa resistenza alla fatica, stati di depressione, ansia e angoscia che possono sfociare in fobie e paranoia, sono alcune possibili evoluzioni di un significato negativo, attribuito alle mestruazioni. Il rapporto con le mestruazioni, con il proprio corpo e quindi anche con il sesso è influenzato dal legame che la ragazza ha con la propria madre, e quindi con il modo in cui quest’ultima, a sua volta, ha vissuto ed ha accettato la sua femminilità e il rapporto con l’altro sesso. Inoltre, anche la società e la cultura familiare concorrono ad alimentare una visione ottimistica o pessimistica dell’essere donna o dell’essere uomo. Purtroppo anche nella nostra società continuano a rimanere antichi retaggi e credenze mitologiche, secondo cui “il sangue che le donne mestruate espellono è impuro perché passando dalla notte uterina al giorno rovescia la sua polarità e passa dal sacro destro al sacro sinistro. Le donne in questa condizione sono intoccabili e in numerose società segrete devono compiere un rito di purificazione prima di reintegrarsi nella società da cui sono state momentaneamente escluse” (Chevalier, Gheerbrant; 69). In Vegetti Finzi, Battistin (00) si legge: “In alcune civiltà primitive la donna era considerata tabù, e quindi inavvicinabile durante le mestruazioni: non solo il suo contatto, ma addirittura il suo sguardo potevano far perdere all’uomo la virilità e distruggere i vegetali che germinavano…Anche al di fuori della sessualità si tendeva ad attribuire alla donna nel periodo mestruale un misterioso potere malefico simile a quello delle streghe”. Se tali immagini, legate alla femminilità, al potere generativo, vissuto come oscuro e minaccioso, anziché come auspicabile meta da raggiungere viene avvallata dal gruppo di appartenenza (famiglia, scuola, società) la ragazza (e la futura donna) potrà essere indotta a vivere questo evento come elemento regressivo, che la induce a rifiutarsi di crescere e quindi di accettarsi come un essere sessuato che gode della piena maturità fisica e psichica raggiunta. Il padre, in questo senso, e più tardi il partner, può essere di grande aiuto perché fornisce alla ragazza, attraverso i suoi principi e le sue concezioni, la possibilità di rendere più agevole questo passaggio (Benjamin, 95). Ecco perché è importante ciò che i rispettivi sessi pensano l’uno dell’altro: l’uomo nei confronti della femminilità e della donna e quest’ultima nei confronti dell’universo maschile rappresentano punti importanti nella conquista di un forte senso di identità. Inoltre per quanto attiene alla relazione con il corpo essa non può prescindere dalla sfera emozionale e dalle esperienze dell’individuo perché la sessualità dipende anche da come viviamo: le emozioni, soprattutto quelle negative, le inibizioni di ordine psicologico e i conflitti e ne può risentire (Kaplan, 75). Da quanto asserito si deduce quindi la complessità della relazione esistente fra sesso e mestruazioni, per cui come rispondere a domande quali: si può fare sesso quando ci sono le mestruazioni? E’ vero che per un uomo la donna in quel periodo è meno attraente? La mestruazione dolorosa spegne il desiderio sessuale? La donna mestruata suscita fantasie particolari nell’uomo? Probabilmente tenendo conto di tutti i fattori sopra menzionati per cui esperienze, aspettative sociali, stereotipi, relazioni significative concorrono insieme a determinare quanto per una persona può essere accettabile e desiderabile e quanto invece rappresenterebbe un evento sgradevole. Non esiste quindi una risposta univoca, che va bene per tutti, esiste piuttosto la storia personale, propria di ogni persona cui bisogna dare valore, poiché ciò che può essere auspicabile per uno ad un altro può provocare fastidio ed esiste il rispetto e l’accettazione della differenza [...]

I vostri problemi di sesso e sessualità sono subito risolti!